Lettera aperta al Presidente della Repubblica Un concerto per Claudia e Teresa
Apr 24

Senza commento.

Massa Lubrense/1, 24 aprile 2008 massa-lubrense2.jpg Massa Lubrense/1, 24 aprile 2008.  massa-lubrense3.jpg massa-lubrense-4.jpg massa-lubrense-5.jpg massa-lubrense-6.jpg

Massa Lubrense 24 aprile 2008.

Un Commento

  1. admin Ha scritto:

    IL MATTINO, 29/04/2008

    Impiantavano pali per luminarie, stop ai lavori

    Massa Lubrense. Montavano le luminarie per la festa di San Francesco di
    Paola, utilizzando le stesse modalità che portarono alla tragedia del
    primo maggio a Sorrento: carro gru con braccio mobile proteso sulla
    carreggiata, nessuna segnalazione del carico sospeso, scarsa delimi-
    tazione dell’area cantiere e interruzioni inesistenti del traffico veicolare e
    del passaggio pedonale. Quattro operai di un’impresa di illuminazioni
    artistiche di Gragnano sono stati sorpresi, l’altro pomeriggio, dai
    carabinieri della stazione di Massa Lubrense, mentre lavoravano alla posa
    di pali e di luminarie nel borgo collinare di San Francesco. I militari,
    coordinati dal capitano Federico Scarabello e diretti dal maresciallo
    Giacomo Sammartano, hanno tempestivamente fermato i lavori, trasmettendo
    una relazione tecnica, corredata di foto e verbali, alla Procura di Torre
    Annunziata e al personale del «Servizio prevenzione infortuni sul lavoro»
    dell’Asl locale. Ora, spetta alle due autorità, giudiziaria e
    amministrativa, assumere le eventuali decisioni in merito. L’intervento
    dei carabinieri era stato sollecitato da alcuni passanti che, telefonando
    al 112, avevano segnalato l’anomalia, chiedendo l’immediata sospensione
    dei lavori o l’adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge in
    queste circostanze. Le foto del mezzo meccanico proteso sulla carreggiata
    sono poi finite sul web, ricevute e pubblicate da un noto portale
    sorrentino che raccoglie le denunce e le riflessioni degli utenti sulle
    tematiche della sicurezza sul lavoro. Ma sembra che le ditte che lavorano
    in questo campo, non tendono a cambiere le loro abitudini che spesso
    provocano morti sul lavoro. (giu. da.)

Lascia un commento